Autorizzazione all’uso dei cookie

Tu sei qui

Archivio News

Cerca
Pubblicata il 28/07/2015
Corpo:

Gli elenchi dei libri di testo sono consultabili sul sito:
consultazione.adozioniaie.it

e digitare il codice scuola:

MITF05401C per MECCANICA
ELETTRONICA-ELETTROTECNICA-ELETTROMEDICALE
INFORMATICA
LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE

MIPS05401A per LICEO LINGUISTICO

Pubblicata il 04/07/2015
Corpo:

In allegato le modalità per il perfezionamento dell'iscrizione alla classe prima.

Pubblicata il 04/07/2015
Corpo:

In allegato il calendario degli scrutini relativi agli esami di recupero dei debiti formativi.
Si consiglia di verificare eventuali modifiche, qualora si dovessero rendere necessarie, consultando periodicamente il sito.

Pubblicata il 04/07/2015
Corpo:

In allegato il calendario degli esami di recupero dei debiti formativi.
Si consiglia di verificare eventuali modifiche, qualora si dovessero rendere necessarie, consultando periodicamente il sito.

Pubblicata il 04/07/2015
Corpo:

In allegato i calendari dei corsi di recupero estivi relativi alle sole materie di matematica, inglese, informatica (biennio), fisica (biennio).
GLI STUDENTI DEVONO PRESENTARSI CON LA NOTIFICA DEI DEBITI E IL MATERIALE RELATIVO AD OGNI SINGOLA DISCIPLINA DA RECUPERARE.

Pubblicata il 04/07/2015
Corpo:

IIS L. GALVANI
Liceo Linguistico
a.s. 2014/2015
RELAZIONE FINALE STAGE IN CINA
Periodo: 16-30 maggio 2015
Classi partecipanti: III B LL, IV B LL (18 studenti)
Docenti accompagnatori: Angela BOTTANI, Silvia CANUTI
Nel mese di maggio undici studentesse della classe III B LL e sette studenti della classe IV B LL, della sezione di lingua cinese, sono stati impegnati in uno stage linguistico della durata di due settimane in Cina, precisamente nella città di Pechino, accompagnati dalle docenti BOTTANI e CANUTI.
Lo stage, programmato e realizzato per dare l’opportunità agli studenti di esercitare e potenziare le proprie competenze/conoscenze acquisite nel corso degli anni di studio della lingua e cultura cinese presso questo Istituto, grazie alla sua articolazione, ha avuto come obiettivo principale quello di permettere a ogni studente non solo di confrontarsi con la lingua straniera di studio nel Paese in cui essa è lingua ufficiale ma soprattutto di sperimentare usi e costumi di una popolazione e di una civiltà particolarmente distante non solo da un punto di vista geografico ma soprattutto antropologico, politico e sociale. Al fine di raggiungere tale obiettivo, le due settimane di stage sono state articolate seguendo un programma ben definito e dettagliato. Dal lunedì al venerdì gli studenti hanno seguito al mattino lezioni di lingua cinese presso La Sprachcaffe International Languages School con docenti abilitati e qualificati e nel pomeriggio, subito dopo pranzo, sono stati impegnati in escursioni, visite guidate e/ o attività culturali. Le lezioni avevano una durata di 1 h e mezzo ciascuna con una pausa di 15 minuti per un totale di 3 h al giorno, dalle 9,15 alle 12,30. Il primo giorno è stato somministrato agli studenti un placement test in base al cui risultato ciascuno di essi è stato inserito in una classe di un determinato livello. I risultati di tale test hanno attestato un livello upper intermediate per tutti gli studenti al quarto anno di studio della lingua cinese e un livello intermediate per le studentesse del terzo anno. A ogni classe è stata assegnata una docente che ha seguito il gruppo di studenti durante le due settimane. Le lezioni si sono svolte completamente in lingua cinese con l’ausilio della lingua inglese solo ed esclusivamente nei rari momenti in cui il docente notava una certa difficoltà nella comprensione di alcuni concetti. Per il resto, anche l’interazione docente/studente è stata realizzata sempre in lingua. Ogni lezione comprendeva una parte di grammatica e scrittura dei nuovi caratteri e una parte di lessico e conversazione in cui, generalmente, gli studenti avevano l’opportunità di potenziare il proprio bagaglio lessicale arricchendolo con nuovi termini riguardanti le attività svolte o da svolgersi nei pomeriggi. Come da pratica cinese, durante le lezioni la docente metteva spesso in sana competizione tra loro gruppi di due o tre studenti e tale approccio didattico ha reso molto più dinamico e stimolante il processo di insegnamento/apprendimento. Al termine di ogni lezione, poi, la docente assegnava dei compiti per il giorno successivo, che gli studenti hanno sempre svolto con puntualità, attenzione e diligenza.
Sia le docenti che la direttrice della scuola e il personale amministrativo si sono dimostrati fin da subito molto accoglienti e sempre particolarmente disponibili al dialogo con gli studenti e con le docenti accompagnatrici, manifestando la dovuta attenzione a determinate esigenze e intervenendo con solerzia e tempestività per la soluzione di qualsiasi situazione di difficoltà venutasi a creare.
Al termine delle lezioni, gli studenti avevano a disposizione un’ora per pranzare prima di partire per le visite guidate o iniziare le attività. Per ciò che concerne le visite guidate, gli studenti hanno avuto l’opportunità di visitare i principali luoghi di interesse della città di Pechino relativamente al suo periodo imperiale e a quello repubblicano maoista e post-maoista. Infatti, con il supporto prezioso di una guida professionista preparata e qualificata, gli studenti hanno visitato: la Città Proibita (Gugong) e Piazza Tian’anmen, il Palazzo d’Estate (Yiheyuan), il tempio dei Lama (Yonghegong), il tempio del Cielo (Tiantan, patrimonio dell’UNESCO), il Museo nazionale (Zhongguo Guojia bowuguan), gli Hutong (caratteristici vicoli della Pechino imperiale con le tipiche abitazioni siheyuan), lo zoo, dove hanno potuto ammirare esemplari del Panda Gigante, e la Grande Muraglia presso il sito di Mutianyu, a cui è stata dedicata un’escursione di un’intera giornata nell’unico sabato disponibile. Oltre alle visite guidate, gli studenti sono stati accompagnati anche a prender parte ad attività mirate a far sperimentare direttamente alcuni aspetti caratterizzanti della cultura e della tradizione cinese, come, ad esempio, la pratica del Taijiquan, un’arte marziale. Gli studenti hanno seguito per un pomeriggio un corso di Taijiquan tenuto da una maestra all’interno del parco in cui si trovava la scuola, facendo esperienza diretta di quell’equilibrio mente/corpo e individuo/cosmo studiato sui libri e che si trova alla base del pensiero tradizionale cinese. Una simile esperienza, sebbene solo da spettatori, è stata fatta partecipando ad uno spettacolo di acrobati cinesi che ha messo in risalto le particolari doti acrobatiche di questo popolo, anch’esse frutto di una tradizione centrale che si fonda sulla ricerca dell’equilibrio perfetto tra l’uomo e ciò che lo circonda e lo contiene.
Ferma restando la preziosa opportunità di sperimentare, vedere e toccare con mano parte della realtà storica, culturale, sociale e politica propria del popolo cinese che è stata data agli studenti attraverso le visite e le attività organizzate, un contributo notevole alla conoscenza della Cina, degli usi e costumi del suo popolo è arrivato anche grazie ai momenti liberi lasciati durante le giornate, momenti in cui gli studenti hanno potuto esercitare la lingua cinese applicando finalmente in contesti situazionali di vita quotidiana reale le conoscenze e competenze linguistiche acquisite nel corso di questi anni. Infatti, dopo una prima fase dedicata all’adattamento e all’esplorazione di una realtà (anche linguistica) totalmente differente dalla propria, ogni studente, ciascuno per le proprie capacità e attitudini ha potuto interagire con la popolazione locale dando vita a una comunicazione efficace e produttiva che ha portato ciascuno a districarsi in situazioni molto diverse tra loro.
Pertanto, lo studio al mattino, lo svolgimento dei compiti assegnati nel pomeriggio, le visite guidate, le attività culturali e formative e l’esercizio continuo e intenso della lingua in svariate situazioni e contesti hanno portato tutti gli studenti ad ottenere notevoli risultati nel test finale proposto dalla scuola, dal cui esito positivo sono stati evidenziati per tutti consistenti progressi. Inoltre, sia le docenti che la direttrice della scuola hanno manifestato, direttamente agli studenti e anche alle docenti accompagnatrici, la propria soddisfazione per il percorso svolto, l’applicazione nello studio e il comportamento corretto tenuto durante le lezioni a cui si sono aggiunti dei suggerimenti personali indirizzati a ciascuno studente su come proseguire lo studio della lingua cinese, evidenziando punti di forza da potenziare e debolezze su cui intervenire.
Al termine dello stage, si ritiene corretto dover affermare che l’esperienza si è rivelata per ciascuno studente di alto valore formativo e istruttivo, non solo in relazione ai progressi riscontrati nelle abilità acquisite in lingua cinese ma anche e soprattutto nella grande capacità di adattamento a un contesto socio-politico-culturale per molti aspetti profondamente distante da quello italiano e, più in generale, europeo e occidentale. Ferma restando la difficoltà iniziale di qualcuno che ha stentato ad aprirsi ad una nuova visione della realtà, faticando un po’ ad adattarsi al nuovo contesto socio-culturale e ricercando costantemente punti di riferimento nel mondo occidentale, ogni studente, ciascuno in relazione al proprio carattere, ha osservato la realtà cinese con estrema curiosità, spirito critico, desiderio di comprendere fin dove possibile o di prendere semplicemente atto dell’esistenza di un’altra prospettiva ma, soprattutto, consapevolezza di aggiungere ricchezza alla propria esperienza di vita.
Milano, 8 giugno 2015
LE DOCENTI
Angela BOTTANI
Silvia CANUTI

Pubblicata il 04/07/2015
Corpo:

Si prega di voler prendere visione della circolare n. 246, disponibile presso l'istituto, relativa a precisazioni sull'anticipo del calendario degli esami dei debiti formativi (circolare n. 244).

Pubblicata il 20/06/2015
Corpo:

 

Liceo linguistico

Liceo delle scienze applicate

L'Istituto Tecnico Industriale è un corso di cinque anni che prepara:

per il mondo del lavoro
per il corsi post diploma
per l'Università, con particolare riferimento alle facoltà tecnico-scientifiche
Una volta diplomati, inoltre, è possibile sostenere l'esame per la libera professione.

Al Galvani si può scegliere, sin dalla prima, una tra le 5 specializzazioni presenti:

Elettrotecnica
Elettronica
Meccanica e Meccatronica
Informatica
la nuova opzione Elettromedicale

Vediamo nel dettaglio qualche aspetto delle specializzazioni: per informazioni sui quadri orari è possibile scaricare i volantini in fondo a questo post.

Elettrotecnica
L’elettrotecnica studia l’elettricità, che è il più diffuso mezzo di trasporto dell'energia, ma anche dell’informazione, ecco perché è il simbolo del mondo moderno: illumina le abitazioni, fa funzionare le fabbriche e rende vicini i popoli più lontani. Come potremmo vivere senza elettricità? Il perito elettrotecnico è un professionista che lavora proprio in tale settore, e con le sue competenze deve essere in grado di affrontare le problematiche relative alla produzione, trasmissione, distribuzione ed utilizzazione dell'energia elettrica, prendendo in considerazione tutti gli aspetti che ne sono coinvolti. Rientrano così nel suo bagaglio culturale la progettazione, la costruzione, la manutenzione e il controllo degli impianti elettrici (dall'impianto elettrico di casa a quello delle grandi industrie), delle macchine elettriche (dai grandi trasformatori ai motori passo passo che sono utilizzati nelle stampanti), dei componenti elettrici in generale (dagli interruttori ai cavi), senza trascurare le centrali elettriche (dalle fotovoltaiche alle nucleari). Inoltre le conoscenze dell’elettrotecnica, integrate con l’informatica e l’elettronica, consentono al perito elettrotecnico di avere anche nozioni di base in discipline più recenti quali: la domotica, la building automation e l’automazione industriale, che hanno come obiettivi la semplificazione dei processi di conduzione degli impianti tecnologici, il miglioramento della qualità dei servizi, aumentando al contempo i livelli di comfort, sicurezza ed economicità. Così oltre a costruire una solida preparazione teorica, gli studenti potranno imparare, negli attrezzati laboratori del Galvani, a svolgere misure elettriche e prove sulle macchine elettriche, come realizzare impianti elettrici sia tradizionali che automatici e molto altro ancora.
Quest'anno inoltre sarà possibile iscriversi al nuovo corso Elettromedicale che stiamo preparando in collaborazione con l'Ospedale di Niguarda e Siemens. IL corso vuole formare tecnici specializzati in apparecchiature per ospedali, centri fitness, centri di analisi e così via.

Elettronica
L’elettronica si occupa principalmente dell’elaborazione, del trattamento e dell’utilizzo dell’informazione mediante grandezze elettriche variabili nel tempo, denominate segnali.
Se si considera la facilità con cui grandezze fisiche di diversa natura come velocità, temperatura, suono, immagine, eccetera, possono essere cambiate mediante adatti convertitori in segnali elettrici, e la facilità e precisione con cui questi segnali possono essere gestiti con apparecchiature elettroniche, si capisce immediatamente l’enorme sviluppo che ha avuto tale disciplina.
L’elettronica digitale o numerica, in particolare, tratta segnali adatti a rappresentare dati numerici e codificati. La sua notevole attualità è evidente, basti pensare al computer, alla multimedialità, al trattamento dei suoni, come per es. un impianto HI-FI, e delle immagini. L’elettronica analogica si occupa, invece, di segnali che possono assumere tutti i valori compresi in un determinato intervallo di tempo .
Applicazioni ormai entrate nel linguaggio comune come amplificazione, filtraggio, conversione dei segnali ( decoder) , ne testimoniano l’importanza.
Il corso di elettronica grazie anche all’uso frequente dei laboratori, nei quali si realizzano molti dei dispositivi sopra citati, vuole fornire, pertanto, le nozioni fondamentali per conseguire competenze durature, e acquisire una mentalità che consenta di comprendere dettagliatamente il funzionamento di apparecchiature anche complesse, e di sviluppare una sicura capacità progettuale.

Meccanica e Meccatronica
Il Perito Meccanico è una figura professionale dotata di ampie competenze nel settore industriale, capace di aggiornarsi alle continue innovazioni tecnologiche e di proporsi per la sua polivalenza non solo all’interno del già vasto settore meccanico, ma del settore produttivo in generale.
Le sue competenze vanno dal campo dei materiali (scelta, trattamenti e lavorazione), a quello delle macchine utilizzate nelle industrie manifatturiere, agrarie, dei trasporti e dei servizi nei più svariati contesti economici.
Contrariamente all’opinione corrente il Perito Meccanico non passa il tempo a sporcarsi le mani sulle macchine o sui motori, ma esprime le capacità acquisite nel corso dei suoi studi nella progettazione, costruzione, collaudo e manutenzione di semplici impianti industriali e di sistemi meccanici ed elettromeccanici anche complessi.
Le conoscenze integrate nei campi della meccanica, dell’ elettrotecnica, dell’ elettronica e dei sistemi informatici dedicati, insieme alle nozioni di base di fisica, di chimica, di diritto ed economia, conferiscono al Perito Meccanico un’accentuata attitudine ad affrontare i problemi in termini sistemici e la capacità di cogliere la dimensione organizzativo-economica dei problemi.
La capacità di controllo e messa a punto di impianti, macchinari, e dei relativi servizi di manutenzione rendono infine il Perito Meccanico la figura più idonea ad operare in piena autonomia, nell’ambito della vigente normativa, ai fini della sicurezza sul lavoro e della tutela ambientale.

Informatica sperimentazione smartphone
L'Informatica è la disciplina che studia la progettazione, la programmazione e l'applicazione del computer all'elaborazione e al trasferimento delle informazioni. I risultati ottenuti dall'informatica si applicano in tutti i settori della vita quotidiana, dalla ricerca scientifica agli studi economici e finanziari, dall'automazione dei processi produttivi industriali ai giochi per il computer.
In particolare al Galvani abbiamo riorganizzato i contenuti delle varie discipline per dedicare ampio spazio alla programmazione per gli smartphone (Windows Phone, Android e iPhone) attraverso i linguaggi VB.NET, C#, Java, JQuery e le librerie di Bootstrap. In quinta viene dedicato ampio spazio alla realizzazione di server web con NodeJS. Inoltre vengono sviluppate applicazioni (anche per il web) che prevedano l'accesso a basi di dati come SQLServer, MySQL e MongoDB, vengono studiati diversi sistemi operativi (Windows 7, Windows 8, Ubuntu, Android, OS X) e i principali server (web, posta elettronica, trasferimento di file). Infine l'indirizzo fornisce competenze su internet e in particolare sulle problematiche legate alla sicurezza: hacking dei sistemi, hacking delle reti e hacking del software.

opzione Elettromedicale
Il sistema sanitario milanese rappresenta da molti anni uno dei punti di forza del sistema economico della regione, con alcuni punti di eccellenza a livello internazionale, ed esercita una notevole capacità attrattiva. Esso assume inoltre un ruolo centrale nel più vasto panorama della sanità lombarda che nel corso degli ultimi decenni ha visto crescere accanto ai tradizionali poli di Milano e Pavia, una ricca e articolata presenza di strutture molto qualificate in quasi tutte le province della regione.
Per rispondere alla mancanza di figure professionali specifiche in questo settore, l’IIS “L. Galvani” di Milano, nell’ambito del suo indirizzo “Elettronica ed Elettrotecnica” – articolazione Elettrotecnica, offre l’opzione Elettromedicale.
Le materie di specializzazione del triennio saranno affrontate prediligendo le applicazioni presenti nelle strutture sanitarie, curando nel contempo gli aspetti legati all’acquisizione dei segnali provenienti dalla strumentazione medica e al loro trattamento in ambito informatico, avendo come supporto una buona conoscenza del funzionamento del corpo umano.
La preparazione professionale del perito Elettronico – Elettrotecnico opzione Elettromedicale si completa con stage aziendali estivi presso le strutture che hanno già stipulato convenzioni in tal senso con l’IIS Galvani ed in particolare con quelle presenti nella nostra zona e che hanno collaborato all’individuazione degli obiettivi del corso: l’azienda ospedaliera “Ospedale Niguarda-Cà Granda” e la divisione Healthcare di Siemens Italia.
La figura professionale in uscita da questa opzione sarà in grado di inserirsi nelle realtà operative, produttive e gestionali del settore (industrie di progettazione, produzione e commercializzazione di dispositivi elettromedicali o di apparecchiature e software riguardanti i sistemi medicali). Potrà operare inoltre presso aziende farmaceutiche o biomediche e presso le aziende ospedaliere pubbliche e private come tecnico per la gestione e la manutenzione degli impianti elettrici, elettronici e di protezione dalle scariche atmosferiche e delle apparecchiature elettromedicali.

Il Liceo Scientifico delle Scienze Applicate fornisce agli studenti una solida preparazione per l'accesso ad ogni facoltà universitaria, anche se, per le sue caratteristiche, è propedeutico soprattutto alle facoltà tecnico-scientifiche (Ingegneria, Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali).

Il Liceo Scientifico delle Scienze Applicate ha delle caratteristiche che lo rendono il più moderno tra i nuovi licei:

non c'è Latino
è il liceo con il maggior numero di ore di materie scientifiche (Matematica, Fisica, Scienze naturali)
è l'unico liceo con Informatica come materia a sé stante

Inoltre al Galvani si fa un uso intensivo dei laboratori di Matematica, Biologia, Chimica, Fisica, Tecnologia e Disegno e Informatica, in quanto i docenti hanno maturato una grande esperienza nella didattica laboratoriale grazie a 15 anni di collaborazione con gli insegnati tecnico-pratici del Liceo Scientifico Tecnologico.

Per il dettaglio del quadro orario è possibile scaricare il volantino allegato.

Infine, una delle caratteristiche delle classi del Liceo Scientifico delle Scienze Applicate è di avere il sabato libero.

Il liceo linguistico fornisce agli studenti le competenze di base per:

comunicare in tre lingue (prima lingua inglese, seconda e terza a scelta tra francese, spagnolo, cinese e tedesco) in vari ambiti sociali e in situazioni professionali;

riconoscere gli elementi caratterizzanti le lingue studiate, i diversi generi testuali, i differenti linguaggi settoriali;

affrontare in lingua diversa dall’italiano specifici contenuti disciplinari;

riflettere in un’ottica comparativa sulla struttura, sull’uso e sulle variazioni dei sistemi linguistici studiati;

conoscere aspetti significativi delle culture straniere e riflettere su di esse in prospettiva interculturale;

Per aiutare gli studenti a raggiungere questi obiettivi, è prevista anche la presenza di conversatori madrelingua.

Inoltre il Liceo Linguistico del Galvani propone alla classe terza il piano di studi ESABAC.
Il 24 febbraio 2009 è stato firmato dal Ministro dell'educazione francese e dal Ministro italiano dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca un accordo per il rilascio, al termine della scuola secondaria di II grado, del diploma EsaBac (ESAME di STATO italiano e BACCALAURÉAT francese). Questo titolo di studio ha quindi un duplice valore, sia in Italia che in Francia.

Il percorso EsaBac permette agli allievi di acquisire la lingua e la cultura del paese partner, in questo caso la Francia. Studieranno in modo approfondito, in una prospettiva europea ed internazionale, i contributi reciproci della letteratura italiana e della letteratura francese.

Al Galvani, inoltre, gli studenti possono certificarsi nelle varie lingue:

PET (Preliminary English Test)

FCE (First Certificate in English)

CAE (Cambridge Advanced English)

DELF (Diplôme d’Études en Langue Française)

DELE Inicial (Diploma de español)

DELE Intermedio (Diploma de español )

Nell’ambito del percorso liceale, a partire dalla seconda, per l’approfondimento delle conoscenze, delle abilità e delle competenze linguistiche richieste per l’accesso ai corsi di studio universitari e necessarie per l’inserimento nel mondo del lavoro, sono previste esperienze di stage all’estero.
Al Galvani, a partire dalla quarta è prevista la possibilità di collegamento con il mondo del lavoro attraverso esperienze pratiche di stage in azienda.

Infine, il Liceo Linguistico, oltre a permettere l'ingresso nel mondo del lavoro, permette l'accesso a qualunque facoltà universitaria.

Per ulteriori informazioni sui quadri orari è possibile scaricare il volantino allegato.

Pubblicata il 19/06/2015
Corpo:

Congratulazioni ai NOISE AROUND !!!
TERZI CLASSIFICATI
al concorso musicale
THE UNKODE VOICE

Pubblicata il 19/06/2015
Corpo:

In allegato la convocazione per le prove relative alla certificazione PET di inglese per il gruppo della prof.ssa Fugaro.

Pubblicata il 19/06/2015
Corpo:

In allegato le modalità per il perfezionamento dell'iscrizione alla classe prima.

Pubblicata il 18/06/2015
Corpo:

 Primo trimestre 2020  -17,05

 

Pagine

Sito realizzato e distribuito da Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici, nell'ambito del Progetto "Un CMS per la scuola" - USR Lombardia.
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.